poi non abbiamo più parlato

Un momento dopo, mi ha domandato se l’amavo. Le ho risposto che era una cosa che non significava nulla, ma che mi pareva di no. Lei ha avuto l’aria un po’ triste. […] è rimasta zitta un momento e mi ha guardato in silenzio. Allora si è domandata se lei mi amava, e io, su questo punto, non potevo saperne nulla. Dopo un altro istante di silenzio, ha mormorato che ero molto strambo, che certo lei mi amava a causa di questo, ma che forse un giorno le avrei fatto schifo per la stessa ragione. […] Poi, a piedi, abbiamo attraversato la citta per le strade principali. Le donne erano belle e ho chiesto a Maria se lo notava anche lei. Lei ha detto di sì, e che mi capiva. Poi non abbiamo più parlato. Ma desideravo che restasse con me.

(Albert Camus, Lo Straniero, traduzione di Alberto Zevi, Bompiani)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s