O qualcosa del genere

Ciò che tocco dunque è la tua pelle? Gli alberi

hanno smesso ormai di respirare.

Gli uccelli sui fili e i fili

non esistono.

O qualcosa del genere. Intanto aprile silenzioso

ti copre accuratamente con giornate in fiore.

Solo le punte dei tuoi capelli restano

fuori del tempo.

 

(Nasos Vaghenàs, Ode Barbara IX, da Vagabondaggi di un non viaggiatore, traduzione italiana di Caterina Carpinato, Crocetti editore, 1997)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s